Come colorare vestito in 100% viscosa in lavatrice con colorante

Potrebbe capitarvi di avere comprato un vestito in 100% viscosa perchè vi piaceva davvero tanto, ma non era del colore giusto. Beh questo è successo alla mia ragazza che ha comprato un vestitino in 100% viscosa bianco anche se in realtà lo avrebbe preferito nero.

Pensando che portando il vestito in lavanderia si potesse ricolorare di nero, è successo che essendo in viscosa al 100%, il processo risulta essere più complicato e almeno nella mia città il lavoro non è stato preso in carico per via del risultato che poteva non essere quello previsto per via di eventuale macchie o sfumature che potrebbero rimanere.

Il fai da te: ecco cosa è successo

Il fai da te è una scorciatoia che può avere successo ed è quello che abbiamo fatto. Per chi non lo sapesse è possibile colorare i vestiti di un altro colore anche con la lavatrice di casa. Prima di vedere come fare ecco alcune cose da sapere per poter procedere alla colorazione di un vestito realizzato in viscosa.

Descrizione dell’abito che si è andato a colorare

Abito bianco senza maniche in tessuto con bordi sangallo (vuol dire che a i bordi in pizzo) e ha un corpetto doppio, cucitura in vita con elastico.

vestisto viscosa bianco

Procedura e cosa serve per colorare i vestiti

Prima di prendere il colore bisogna pesare il vestito e se pesa meno di 300 grammi vi basterà comprare 1 confezione di colorante e 1 confezione di sale da 1kg, se pesa di piu allora dovrete prendere 2 confezioni di colore e 2 di sale sempre da 1 KG. Tenete a mente i 300 grammi e fate la proporzione delle dosi in base a quello che dovete andare a colorare.

In questo caso l’abito pesava meno di 300 grammi quindi 1 confezione di colorante e 1 di sale da 1 KG è stato sufficiente. I prodotti che si sono utilizzati, senza fare troppa pubblicità, sono stati quelli della coloreria italiana che vedete nelle immagini a seguire.
colorare viscosa lavatrice coloreria italiana

Il prezzo per i due prodotti è stato di 2.90 euro cadauno da Tigotà. Cito i nomi dei prodotti giusto per segnalarvi cosa è stato utilizzato.

Lavaggio in lavatrice: ecco i passaggi per tingere l’abito

Potrete utilizzare sia una lavatrice che una lavasciuga (programma solo lavatrice senza asciugatrice mi raccomando!) ed in entrambi i casi dovrete seguire la procedura a seguire ricordandovi che anche sulle scatole c’è la guida:

  1. dentro la confezione ci sono 2 vaschette con il colorante e fissatore che ti dice di fare un taglietto lungo dove c’è la linea tratteggiata. (non si deve versare dentro il vassoio ma appoggiarlo dentro l’oblò)
  2. Rovesciare la confezione di sale da 1 kg dentro la lavatrice. (no vassoio)
  3. Prima di mettere l’abito dentro la lavatrice bisogna bagnarlo un po’, strizzare l’acqua e poi mettere dentro a 60 gradi senza detersivo.
  4. Quando ha finito il lavaggio si deve aprire la lavatrice per togliere le vaschette vuote e poi riavviare di nuovo a 60 gradi per fissare definitivamente il colore.
  5. Stendere il vestito e aspettare che si asciughi, se non e’ riuscito a prendere il colore nelle cuciture si consiglia di prendere indellebile con la punta sottile e colorare le cuciture.

Il risultato? Il risultato è stato sicuramente un successo ed in questo caso vi posso assicurare che non si nota nemmeno che l’abito è stato colorato da bianco a nero. Qui a seguire lo stesso vestito bianco nella versione nera dopo la colorazione in lavatrice:

come colorare abiti lavatrice guida

In questo caso è andata molto bene, ma alla domanda se conviene e funziona sempre bene la colorazione fai da te su qualsiasi vestito, la risposta certa non ve la so dare. Voi avete avuto esperienze simili?

Leave a Comment