Come rifare il bagno, costi e consigli su cosa scegliere

Spesso sottovalutato e non adeguatamente preso in considerazione, il bagno è uno degli ambienti più importanti di una casa e, come tale, la sua ristrutturazione dev’essere seguita e curata in ogni singolo aspetto. Ristrutturare un bagno può essere un lavoro piuttosto esoso, richiede grandi dispendi di energia e di denaro, soprattutto quando si opta per una ristrutturazione completa.

D’altro canto, piuttosto raramente una ristrutturazione parziale può essere considerata sufficiente, perché per un lavoro fatto a regola d’arte dovrebbero essere sostituiti sia i sanitari che tutti i rivestimenti. Poi, nel momento in cui si mette mano al bagno, è possibile rivoluzionare interamente anche la disposizione dei sanitari per creare un ambiente completamente nuovo, perfettamente abbinato alla casa.

I bagni delle case moderne

Nelle case moderne, i progettisti e gli architetti hanno ritenuto opportuno ridurre le dimensioni dei bagni e, quindi, si rende necessario trovare nuove soluzion di spazio per creare ambienti confortevoli e pratici. Chi desidera rifare un bagno moderno ha molte possibilità di scelta, giocando soprattutto su luce e colori. Prima di tutto, bisogna scegliere i rivestimenti che meglio si adattano alla casa, per creare una linea di continuità o, in alternativa, per spezzare lo stile.

In ogni caso, quel che importa è che ci sia una coerenza. Quindi, non bisogna avere paura di osare o di eccedere; il colore è un elemento importantissimo di un bagno, e serve anche a dare un tocco di luce in più che non guasta mai. Se la casa è di dimensioni ridotte questo si rivela fondamentale per dare una percezione di spazio maggiorata. In molti casi, i bagni delle case moderne sono senza finestra, prevedono esclusivamente l’areazione forzata: senza una finestra non entra nemmeno la luce, quindi optare per colori scuri può rivelarsi una scelta assolutamente sbagliata. In questo caso, quindi, bisogna valutare i colori pastello, le nuance chiare, anche osare qualche accenno di colore vivido ma sempre su una base luminosa. Non sono rari i casi di persone che scelgono rivestimenti chiari optando, per esempio, su stencil colorati che diano un tono e un carattere all’ambiente, magari abbinate al colore predominante della casa.

Vetro e materiali trasparenti possono essere l’ancora di salvataggio quando si vuole decorare un bagno di non grandi dimensioni in modo semplice e alla moda. L’effetto trasparente, infatti, permette di creare interessanti illusioni ottiche, ampliando gli spazi a disposizione e dando la percezione che l’ambiente sia notevolmente più ampio di quello che, in realtà, è. A tal proposito, proprio per ridurre la percezione di ingombro, sempre più persone optano per lavandini e bidet sospesi e, in alcuni casi, in vetro satinato o trasparente. Una scelta stilistica di grande impatto, elegante e sofisticata, che allo stesso tempo armonizza lo spazio a disposizione e alleggerisce lo spazio. Se, poi, il bagno è dotato di abbondante luce naturale, l’effetto è ancora più piacevole perché il risultato è un ambiente accogliente, in cui muoversi con assoluta libertà.

Doccia o vasca da bagno?

Questo è uno dei grandi dilemmi quando si deve ristrutturare un bagno le cui dimensioni permettono l’installazione dell’uno o dell’altro senza particolari vincoli. La doccia è senza dubbio più pratica, occupa poco spazio e sono presenti in commercio tantissime soluzioni diverse tra design e stile, che non c’è che l’imbarazzo della scelta per trovare la soluzione che maggiormente si abbina alla propria casa.

Proprio perché in molti casi è considerata una soluzione salva-spazio, la dimensione del piatto doccia varia notevolmente e se esistono in commercio dei prodotti davvero essenziali, è altrettanto vero che si possono trovare anche piatti doccia che, nei fatti, come lunghezza e larghezza non hanno nulla da invidiare alla vasca da bagno. In questo caso è solo una questione di praticità, anche in un’ottica di stile e design, considerando il fatto che le moderne soluzioni doccia sono dei piccoli gioielli di interior design, dalle linee moderne e raffinate, che sono capaci da sole di arredare e di riempire una stanza da bagno con eleganza.

La maggior parte delle docce nascono per essere utilizzate con il cristallo di protezione ma chi ama il gusto un po’ romantico e retrò e ha arredato la sua casa in quest’ottica, non deve temere, perché le tende da doccia continuano a essere un elemento molto apprezzato, che inoltre sta tornando di gran moda negli ultimi anni. Decorazioni shabby, mono-colore o fantasie geometriche: le tende doccia possono trasformare il volto di un bagno in qualsiasi momento e il costo per l’acquisto è decisamente irrisorio.

La vasca, invece, è l’elemento iconico per qualunque bagno: occupa spazio e in molti casi non viene apprezzato per la sua scarsa praticità ma è comunque il sanitario più amato da chi desidera concedersi una pausa di relax e di totale riposo. Se lo spazio nella sala da bagno lo concede si può anche osare qualcosa di diverso e di alternativo, posizionando la vasca al centro della stanza. Attenzione, però, perché per fare questo il bagno dev’essere davvero di dimensioni molto abbondanti altrimenti l’effetto che si ottiene è alquanto opprimente e si perdono tutte le caratteristiche peculiari di un bagno accogliente.

Cosa valutare per un bagno perfetto?

Se si sta decidendo di ristrutturare il bagno e si vuole fare un lavoro ben fatto, quindi, bisogna valutare tre fattori fondamentali:

  • stile della casa
  • dimensione del bagno
  • budget a disposizione

Nel primo caso, serve sempre un po’ di buon senso, perché l’eccesso porta sempre a risultati non piacevoli. Abbinare un bagno alla casa è giusto ma diventa un po’ troppo nel momento in cui si cade nella monotonia. E’ giusto cercare una continuità di colore ma è anche giusto spezzarla con elementi a contrasto, diversi, che diano un senso di movimento.
Per quanto riguarda le dimensioni, valgono tutti i consigli dati precedentemente: il bagno piccolo va valorizzato e le illusioni ottiche create dalle luci possono fare miracoli in questo caso, mentre il bagno grande, per evitare che sembri dispersivo, dev’essere riempito ma con cura, per trovare i giusti spazi e il giusto equilibrio.

I costi

Questo, dopo tutto, è l’aspetto più importante quando si decide di rifare un bagno. Le buone idee devono sempre fare i conti con la disponibilità economica di ciascuno per poi essere realizzate. Di base, mediamente rifare un bagno costa circa 1.000 €/mq, una cifra che però può essere rivista per difetto o per eccesso, in base a ciò che si vuol realizzare.

Da cosa dipende il costo? Prima di tutto dai materiali e dai prodotti che si vogliono acquistare: sul mercato si trovano tantissime soluzioni il cui costo è nettamente diverso. Le stesse ceramiche possono avere valutazioni differenti, quel che bisogna valutare è il risultato finale. Per ottenere un bagno bello da vedersi e funzionale non è necessario spendere grandi cifre, perché con qualche compromesso si possono trovare ottime soluzioni a prezzi abbordabili.

Ovviamente, se si ritiene necessario rifare per intero i sistemi idraulici, il costo lievita enormemente. Per questo motivo, se tutto funziona correttamente, si sconsiglia di attuare un intervento del genere, che richiede molto tempo e denaro.

Leave a Comment